BLOG "Convivio"

Contro bullismo e cyberbullismo serve l'appoggio della Famiglia

Contro il bullismo e contro il cyberbullismo serve "più famiglia". Serve riscoprirne il ruolo e il senso profondo. Serve l'appoggio della famiglia. Serve tornare nel grembo della famiglia.

Serve essere famiglia.

La famiglia ha un ruolo centrale nella prevenzione e nel contrasto del bullismo e del cyberbullismo.

L'appoggio della famiglia è centrale per avere risposte e trovare la strada.

Le cronache degli ultimi mesi sono agghiaccianti: anche in Italia il bullismo, specialmente sotto forma di cyberbullismo, sta portandosi via delle vite umane.

Interrogarsi sulle ragioni profonde dell'infelicità e della disperazione non potrà mai aiutare nè le vittime nè i loro cari nè potrà mai giustificare scelte umane tanto estreme quante tragiche. Sospendere il giudizio è quindi un atto dovuto.

Ma non è possibile restare indifferenti.

Nel combattere il bullismo dobbiamo combattere prima l'indifferenza e poi la paura.

E' il messaggio del Tweet sotto:

 

 

Combattere l'indifferenza deve essere un obiettivo non solo individuale ma anche collettivo, corale.

A tutti i livelli, in tutti gli ambiti, nelle famiglie, nelle scuole, nelle comunità, nei gruppi sportivi, nelle parrocchie, nei circoli ricreativi, da parte delle stesse istituzioni non è più possibile ignorare, non è più possibile scaricare la responsabilità, non è più possibile semplificare e ridurre tutto a casi isolati o peggio giustificarli addossandone le colpe a internet e ai social media o alla diversità di linguaggi e alla distanza e connessa difficoltà di dialogo tra adulti e adolescenti e tra adulti e minori.

Il problema è il silenzio, è l'assenza di qualsiasi interessamento, di qualsiasi avvicinamento dell'adulto al giovane.

Non basta la sola sorveglianza, non basta il controllo il più delle volte inesistente o per certi versi inefficace, se affidato a strumenti inadeguati come lo stesso cellulare che si regala al proprio figlio per non perderlo di vista quando il senso di abbandono si fa spazio nel cuore del giovane e il disagio si fa silenzio con sistematica sottovalutazione da parte dell'adulto.

Il controllo si fa con l'amore, il controllo si fa riattivando la relazione.

Il senso di abbandono e il disagio tetri compagni dei nostri giovani ogni giorno continuano a seguirli anche a casa loro, nella loro famiglia e si acuiscono e aggravano una volta che i giovani entrano nel contesto sociale, esacerbato dalle dinamiche di gruppo che costringono alcuni giovani all'isolamento, non accettati dal gruppo, rifiutati o perseguitati.

Eppure le dinamiche di gruppo sono sempre le stesse, non sono affatto cambiate rispetto alle generazioni precedenti. L'esperienza del gruppo è noto possa essere costruttiva come anche distruttiva, è il gruppo che decide per il singolo, è il gruppo che definisce i ruoli, è il gruppo che detta ai suoi membri le sue regole. Il gruppo assegna sempre e comunque a ciascuno un ruolo e con quel ruolo tocca fare ogni giorno i conti. Non c'è riscatto possibile per chi viene additato dal gruppo come la "vittima" nè per chi si sottomette al più forte e lo imita costretto a subirne ogni tipo di prevaricazione.

Le regole del gruppo sono semplici: o le accetti o non sei accettato dal gruppo. O sei con il gruppo o sei fuori dal gruppo.

Ma questo valeva anche per i nostri genitori e per i nostri nonni.

Non è allora internet, non sono i social network i responsabili del disagi, dell'isolamento dei nostri giovani e del cyberbullismo. Non sono da demonizzare le piazze virtuali.

Dobbiamo piuttosto investire in coloro che questo disagio e questo isolamento dovrebberlo conoscerlo o riconoscerlo, coloro che dovrebbero essere testimoni privilegiati delle paure e della sofferenza dei propri figli o dei propri alunni e che invece per qualche ragione non riescono ad intercettarle affatto e non fanno nulla.

I giovani sono rimasti soli, più soli di quanto lo fossero le generazioni precedenti, maggiori sono i pericoli, più insidiose le tentazioni, a minor costo le evasioni dalla routine, ora che alla discoteca è sottentrato lo smartphone, strumento di (apparente) illimitata libertà, con cui fare praticamente ogni cosa.

In tutto questo vortice il più debole soccombe, escluso, emarginato, deriso, discriminato, abusato.

Aurora, Nadia, Carolina e le tante altre storie paradigmatiche di questo silenzio, di questo disagio e dell'assenza di chi doveva sorvegliare, l'impegno stesso della politica, le tante iniziative di regolamentazione ai vari livelli attirano sicuramente la nostra attenzione ma... nessuno si interroga su come ripartire fin da subito, investendo permanentemente sulla famiglia, nessuno si interroga su come ricostruire la società dalle fondamenta, dal suo interno.

Dobbiamo chiederci come ricominciare ad essere famiglia, come ridiventare genitori, come rinascere madri e padri, per recuperare il tempo perduto, per colmare il vuoto, per rompere il silenzio e per ritrovare il calore della gestualità dell'affetto e dell'amore.

Dobbiamo ritornare ad amare.

 

 

Dare fiducia, aprirsi all'ascolto, investire nell'amore è anche abnegazione, anche rinunciando ai propri spazi personali e alle proprie distrazioni, non smettere di farsi delle domande come "Cosa dovrei fare che non ho il coraggio di fare" o chiedere "Cosa mi vorresti raccontare che non hai il coraggio di dirmi? Cosa pensi io debba sapere che ancora non so?".

Ripartiamo dalla famiglia, dalla comprensione, ripartiamo dall'amore. E ripartiremo dall'autostima, che rompe la fragile bolla del mondo virtuale e vanifica qualsiasi fragile illusione di essere considerati, capiti e amati dal mondo che sta dietro il display di un telefonino o lo schermo di un PC.

Se infatti il Web per certi versi è un luogo di conoscenza e incontro dall'altro è anche un luogo di persone sole, isolate, connesse in rete ma disconnesse e avulse dal mondo reale. In proposito c'è un video molto significativo Look Up da pochi giorni su Youtube ma già virale per capire meglio questa forma di isolamento, di latente e solitaria socializzazione indotta dalla Rete.

 

 

In un recente articolo su Wired di Boccia Artieri si invoca il principio della necessaria costruzione di una "narrazione corretta sul bullismo", richiamando quanto Danah Boyd e Alice Marwick scrivono sul The New York Times circa la necessità per gli adulti di adottare gli stessi codici linguistici dei giovani per la buona riuscita di qualsiasi programma antibullismo.

Il problema è quello della intercettazione - che passa solo attraverso un linguaggio comune senza possibilità di misunderstanding - del punto di rottura e di non ritorno, il momento cioé in cui il giovane non riesce più a cavarsela da solo, non riesce più a reggere il peso di una situazione che è diventata per lui insostenibile.

E' questo il momento esatto in cui l'adulto vicino al giovane realizza la necessità del suo intervento e responsabilmente non omette di farlo.

E' quello che Boccia Artieri chiama il "confine della drammatizzazione".

Solo allora ogni programma o iniziativa di prevenzione può avere senso, una volta cioè che, superato il "confine della drammatizzazione", il genitore, l'insegnate, il maestro o qualsiasi altra figura di adulto accanto al giovane, recupera il ruolo di protagonista e diventa anello di un circolo virtuoso che da dentro (cioè nella stessa famiglia) o da vicino (per esempio nei circoli sportivi frequentati dal giovane o tra i peer) oppone responsabile e consapevole resistenza al bullismo reale o digitale che sia.

 

Informativa sull'utilizzo dei cookies

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Scorrendo questa pagina, cliccando APPROVO o qualunque suo elemento, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla nostro Cookie Policy Per saperne di piu'

Approvo

Cookie

Facendo uso del sito, si acconsente al nostro utilizzo di cookie in conformità con la presente Cookie Policy. Se non si acconsente al nostro utilizzo di cookie in questo modo, occorre impostare il proprio browser in modo appropriato. Se si decide di disabilitare i cookie che impieghiamo, ciò potrebbe influenzare l'esperienza dell'utente mentre si trova sui nostri siti.

INFORMATIVA ESTESA COOKIE -  COOKIE POLICY

La presente informativa ha lo scopo di descrivere le modalità di gestione del sito in riferimento al trattamento dei Cookie dei visitatori che lo consultano. Si tratta di un’informativa che è resa ai sensi dell’art. 13 del D.Lgs. 196/2003 (Codice in materia di protezione dei dati personali)

COSA SONO I COOKIE:

I cookie sono stringhe di testo di piccole dimensioni che i siti visitati dall'utente inviano al suo terminale (solitamente al browser), dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Nel corso della navigazione su un sito, l'utente può ricevere sul suo terminale anche cookie che vengono inviati da siti o da web server diversi (c.d. "terze parti"), sui quali possono risiedere alcuni elementi (quali, ad esempio, immagini, mappe, suoni, specifici link a pagine di altri domini) presenti sul sito che lo stesso sta visitando.

I cookie, solitamente presenti nei browser degli utenti in numero molto elevato e a volte anche con caratteristiche di ampia persistenza temporale, sono usati per differenti finalità: esecuzione di autenticazioni informatiche, monitoraggio di sessioni, memorizzazione di informazioni su specifiche configurazioni riguardanti gli utenti che accedono al server, ecc.

TIPOLOGIA DI COOKIE

COOKIE TECNICI

I cookie cosiddetti tecnici servono per la navigazione e per facilitare l'accesso e la fruizione del sito da parte dell'utente.

Possono essere suddivisi in cookie di navigazione o di sessione e garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web.

Questi cookie, sono necessari a visualizzare correttamente il sito e a facilitare l'accesso e la fruizione del sito stesso da parte dell'utente; verranno quindi sempre utilizzati e inviati, a meno che l’utenza non modifichi le impostazioni nel proprio browser.

COOKIE DI ANALISI (ANALITICI)
Sono cookie utilizzati per raccogliere e analizzare il traffico e l'utilizzo del sito in modo anonimo. Questi cookie, pur senza identificare l'utente, consentono, per esempio, di rilevare se il medesimo utente torna a collegarsi in momenti diversi. Permettono inoltre di monitorare il sistema e migliorarne le prestazioni e l'usabilità. La disattivazione di tali cookie può essere eseguita senza alcuna perdita di funzionalità.
Google Analytics è un servizio offerto da Google che genera statistiche dettagliate sul traffico di un sito web e le sorgenti di traffico. È il servizio di statistiche più utilizzato. Google Analytics può monitorare i visitatori provenienti da tutti i links esterni al sito, tra cui i motori di ricerca e social network, visite dirette e siti di riferimento. Visualizza anche la pubblicità, pay-per-click, e-mail marketing e inoltre collegamenti all'interno dei documenti PDF.

E’ possibile accedere all'informativa all’indirizzo: http://www.google.it/analytics/learn/privacy.html

COOKIE DI PROFILAZIONE

Si tratta di cookie permanenti utilizzati per identificare (in modo anonimo) le preferenze dell'utente e a creare profili utenti al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dall’utente all’interno delle pagine del Sito.

COOKIE DI TERZE PARTI

Visitando un sito web si possono ricevere cookie sia dal sito visitato (“proprietari”), sia da siti gestiti da altre organizzazioni (“terze parti”). Un esempio notevole è rappresentato dalla presenza dei “social plugin” per Facebook, Twitter, Google+ e LinkedIn. Si tratta di parti della pagina visitata generate direttamente dai suddetti siti ed integrati nella pagina del sito ospitante. L'utilizzo più comune dei social plugins è finalizzato alla condivisione dei contenuti sui social network. La presenza di questi plugin comporta la trasmissione di cookie da e verso tutti i siti gestiti da terze parti. Tutti questi Cookies possono essere rimossi direttamente dalle impostazioni browser.
In quest’ultimo caso alcuni servizi del sito potrebbero non funzionare come previsto e potrebbe non essere possibile accedere o addirittura non avendo più il Cookie associato perdere le preferenze dell'utente, in questo modo le informazioni verrebbero visualizzate nella forma locale sbagliata o potrebbero non essere disponibili.

COOKIE DI TERZE PARTI NEL DETTAGLIO

I Cookie di terze parti vengono anche utilizzati per memorizzare le informazioni sulle preferenze dei visitatori e sulle pagine visitate dall'utente e per personalizzare il contenuto della pagina web in basa al tipo navigazione effettuata dall'utente.
1) Cookie DoubleClick DART: Tale Cookie di Google serve per pubblicare annunci contestuali in modo da mostrare all'utente pubblicità più mirata in base alla loro cronologia di navigazione. Gli utenti possono accettare tale cookie oppure disattivarlo nel loro browser visitando la pagina Privacy e Termini. Ulteriori informazioni sulle tipologie e sull'uso che fa Google dei cookie con finalità pubblicitarie possono essere trovate nella pagina web dei Tipi di cookie utilizzati.

2) Cookie di Facebook: Questo Cookie può tracciare il comportamento dei lettori. Per avere maggiori informazioni si può consultare la pagina per la
Politica della Privacy di Facebook.

3) Twitter: Questo Cookie viene utilizzato per migliorare la interazione con il social
Twitter Cookie Policy Privacy

4) Google+ Questo Cookie viene utilizzato per migliorare la interazione con il social
Google Cookie Policy Privacy

Questo sito e il suo amministratore non hanno alcun controllo sui cookie che vengono utilizzati da terze parti,. quindi per approfondire il tema si consiglia di consultare le politiche della privacy di queste terze parti sopra riportate, così come le opzioni per disattivare la raccolta di queste informazioni. L'amministratore di questo sito non può quindi controllare le attività degli inserzionisti di questo sito. È comunque possibile disabilitare i cookie direttamente dal proprio browser.

Questo sito non utilizza cookie di profilazione propri.
Eventualmente, Cookie di profilazione sono esclusivamente controllati da terze parti quali Google, Facebook o Twitter.

GESTIONE DEI COOKIE

L'utente può decidere se accettare o meno i cookie utilizzando le impostazioni del proprio browser. Attenzione: l'utente può negare il consenso all'installazione di qualunque cookie.

L'impostazione può essere definita in modo specifico per i diversi siti e applicazioni web. Inoltre i migliori browser consentono di definire impostazioni diverse per i cookie “proprietari” e per quelli di “terze parti”.

A titolo di esempio, in Firefox, attraverso il menu Strumenti->Opzioni ->Privacy, è possibile accedere ad un pannello di controllo dove è possibile definire se accettare o meno i diversi tipi di cookie e procedere alla loro rimozione.

Una navigazione senza l'utilizzo di cookie tecnici e di profilazione è possibile mediante quella che viene definita navigazione in incognito e che è fattibile con tutti i principali browser.

Di seguito riportiamo le modalità di gestione dei cookie offerte dai principali browser:

Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies

Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it

Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Gestione%20dei%20cookie

Opera: http://help.opera.com/Windows/10.00/it/cookies.html

Safari: http://support.apple.com/kb/HT1677?viewlocale=it_IT


Google Analytics è un servizio offerto da Google che genera statistiche dettagliate sul traffico di un sito web e le sorgenti di traffico. È il servizio di statistiche più utilizzato. Google Analytics può monitorare i visitatori provenienti da tutti i links esterni al sito, tra cui i motori di ricerca e social network, visite dirette e siti di riferimento. Visualizza anche la pubblicità, pay-per-click, e-mail marketing e inoltre collegamenti all'interno dei documenti PDF.

E’ possibile accedere all'informativa all’indirizzo: http://www.google.it/analytics/learn/privacy.html

Google AdSense è un programma gestito da Google Inc. che consente agli inserzionisti della rete Google di pubblicare annunci pubblicitari sul proprio sito web guadagnando in base al numero di esposizioni dell'annuncio pubblicitario o click effettuati su di essi.
E’ possibile accedere all'informativa all’indirizzo: https://www.google.com/adsense/localized-terms.

NAVIGAZIONE ANONIMA - COME EVITARE RACCOLTA DI COOKIE

Una navigazione senza l'utilizzo di cookie tecnici e di profilazione è possibile mediante quella che viene definita navigazione in incognito e che è fattibile con tutti i principali browser.

Questa pagina è visibile, mediante link in tutte le pagine del Sito. Per ulteriori informazioni visitare la pagina del garante della privacy: http://www.garanteprivacy.it/cookie