BLOG "Convivio"

Bullismo e Cyberbullismo: un libro per inquadrare bullismo e cyberbullismo in chiave sociale

Bullismo e Cyberbullismo: Alessandro Meluzzi

 

Bullismo e cyberbullismo sono fenomeni sociali preoccupanti che colpiscono per lo più i più giovani ma che meritano l'attenzione di tutti, adulti, genitori, famiglie, scuole, comunità e istituzioni.

E' una questione di responsabilità collettiva il prendere atto che di fronte ai recenti atti di bullismo riportati dalla cronaca, non si possa fare finta che non ci riguardino o che non siano di nostra responsabilità.

 

Analogamente è dovere dei media sia tradizionali che digitali parlarne, riferendo i fatti in modo oggettivo, senza demonizzare o colpevolizzare nessuno ma fornendo semmai informazioni e dati atti a capire meglio il contesto e le relazioni di causalità, con il valore aggiunto di linee guida e codici di condotta, come anche di raccomandazioni funzionali a comportamenti corretti, prudenti e responsabili nella vita reale come nell'online.

Da un anno a questa parte, i casi di cronaca sono aumentati e ciò che preoccupa di più, oltre ai disegni suicidiari, sono gli effetti sulla salute e sulla psiche che gli esperti reputano "permanenti".

Bullismo e cyberbullismo offendono, colpiscono, ledono e uccidono la dignità umana.

E' ovvio quindi che gli atteggiamenti morbidi o di supina accettazione rischino di essere inutili o deleteri, e peggio ancora quelli omertosi che risultano peggiorativi della situazione di disagio vissuta dalle vittime; invece l'ammonimento e la punizione, eventualmente sotto forma di pubblica condanna, si configurano il più delle volte come strumenti necessari, ancillari a quelli più propriamente rieducativi per responsabilizzare chi agisce in modo scellerato ai danni degli altri, spesso confidando nel silenzio delle vittime e in quello dei bystander nel caso del bullismo o nella viralità e anonimità del web quando colpiscono nel mondo online.

Ho trovato interessante e ne raccomando a tutti la lettura il saggio "Bullismo e Cyberbullismo" del Professor Alessandro Meluzzi che trascende le motivazioni particolari per interrogarsi piuttosto sulle ragioni sociali del bullismo e del cyberbullismo.

Serve infatti aprire gli occhi sul malessere sociale, su una più ampia e profonda ferita a tratti incurabile dovuta alla scarsa tenuta del sistema valoriale, alla perdita di senso e di fiducia che si legge nei giovani, al vuoto genitoriale, al senso di indifferenza e di imperante egoismo. Ecco tutto questo ha generato le radici del male, il che giustifica un approfondimento del fenomeno al contempo analitico e oggettivo ma anche colto e illuminato, come quello condotto dal Professor Meluzzi che, come egli stesso ha dichiarato sui media, è partito da una ricerca personale per approdare in modo inconsapevole ad un vero e proprio progetto editoriale.

Il suo è un libro da leggere per capire quando serva intervenire, quando serva rompere il silenzio e denunciare, ma soprattutto perché serva contrastare e ove possibile prevenire bullismo e cyberbullismo.

Il libro del Professor Alessandro Meluzzi aiuta a capire la complessa fenomenologia del bullismo e del cyberbullismo, fenomeni che non sono mai da accettare, perché mai fenomeni naturali ma semmai effetti collaterali e al contempo "portato" di una socialità quanto mai vuota, fragile e divenuta indifferente, sfaldata, a tratti malata e frantumata.

Una società che vede bandita qualunque forma di generosità e di empatia, in cui trovano invece esaltazione le mania di grandezza, il senso di sfida, l'arroganza, l'aggressività e la spietatezza insieme al delirio di onnipotenza.

Bullismo e cyberbullismo sono sempre riconoscibili, come riconoscibili sono i loro segnali che non devono mai essere sottovalutati.

Bullismo fisico ma anche bullismo psicologico, sono sempre la manifestazione di atti di sopraffazione, derisione, vessazione sistematica e continuativa intenzionalmente finalizzate a porre le vittime in stato di inferiorità e soggezione.

Femminile o maschile che sia, il bullismo assume gli stessi tratti; sia che si tratti di bullo o di bulla gli atti hanno medesima finalità e medesimi impatti quanto a violenza ed efferatezza.

Il bullismo si nasconde, come si nasconde il bullo, spesso non riconoscibile, come si nasconde la vittima per paura e per vergogna, come si nascondono i bystanders per vigliaccheria o per timore di ritorsioni.

Informazione e prevenzione sono quanto mai necessari dati gli effetti devastanti anche nel lungo periodo sulle vittime, soprattutto nel caso di cyberbullismo in ragione dell'amplificazione resa possibile dai media digitali.

E mentre nella vita reale il bystander osserva e non parla o fa finta di nulla e cambia direzione, nel web chi resta a guardare appone al video del bullo anche il proprio "Like", aggiungendo in tal modo la propria firma e il proprio consenso e benestare all'atto persecutorio. 

La violenza perpetrata ogni giorno ai danni dei più deboli diventa quindi non solo virale ma "ingaggia" pure, cercando e trovando in tal modo consenso le forme più ignobili di crudeltà e di delirio di onnipotenza.

Dietro tutto questo, il saggio Professor Alessandro Meluzzi intravede la fragilità ontologica e il disperato bisogno di conferma d’amore e di accettazione dell'essere umano, esplorando anche il complesso rapporto genitori-figli e le dinamiche che connotano il mondo in crisi degli adulti a tratti ancora rimasti adolescenti ed immaturi, in una evidente confusione di ruoli.

La nostra è la società della distanza gli uni dagli altri, si vive in isolamento pur con 500 amici su Facebook, in una distanza fisica ed emotiva che il web amplifica, con il suo senso di vuoto e di assenza nonostante qualche centinaio di Like.

La verità è che nessuno entra mai davvero in empatia con nessuno.

Ai genitori spetta quindi il compito di difendere l'ultimo baluardo della società, cioé i propri figli, restaurando i valori in crisi, recuperando non solo il dialogo ma anche la volontà di tornare ad essere di esempio per i loro ragazzi perché come sostiene il Professor Meluzzi "i ragazzi non sono attenti a cosa gli adulti dicono, sono invece spasmodicamente attenti a ciò che gli adulti fanno, per cui bisogna che gli adulti sappiano testimoniare con la loro vita i valori in cui credono, nell'ordinarietà del quotidiano."

Nell'ordinarietà del quotidiano, con le parole del Professor Alessandro Meluzzi, perché "la più grande delle eccezionalità quotidiane è poter vivere pienamente il proprio presente".

Senza bullismo. E senza cyberbullismo.

 

 

Informativa sull'utilizzo dei cookies

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Scorrendo questa pagina, cliccando APPROVO o qualunque suo elemento, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla nostro Cookie Policy Per saperne di piu'

Approvo

Cookie

Facendo uso del sito, si acconsente al nostro utilizzo di cookie in conformità con la presente Cookie Policy. Se non si acconsente al nostro utilizzo di cookie in questo modo, occorre impostare il proprio browser in modo appropriato. Se si decide di disabilitare i cookie che impieghiamo, ciò potrebbe influenzare l'esperienza dell'utente mentre si trova sui nostri siti.

INFORMATIVA ESTESA COOKIE -  COOKIE POLICY

La presente informativa ha lo scopo di descrivere le modalità di gestione del sito in riferimento al trattamento dei Cookie dei visitatori che lo consultano. Si tratta di un’informativa che è resa ai sensi dell’art. 13 del D.Lgs. 196/2003 (Codice in materia di protezione dei dati personali)

COSA SONO I COOKIE:

I cookie sono stringhe di testo di piccole dimensioni che i siti visitati dall'utente inviano al suo terminale (solitamente al browser), dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Nel corso della navigazione su un sito, l'utente può ricevere sul suo terminale anche cookie che vengono inviati da siti o da web server diversi (c.d. "terze parti"), sui quali possono risiedere alcuni elementi (quali, ad esempio, immagini, mappe, suoni, specifici link a pagine di altri domini) presenti sul sito che lo stesso sta visitando.

I cookie, solitamente presenti nei browser degli utenti in numero molto elevato e a volte anche con caratteristiche di ampia persistenza temporale, sono usati per differenti finalità: esecuzione di autenticazioni informatiche, monitoraggio di sessioni, memorizzazione di informazioni su specifiche configurazioni riguardanti gli utenti che accedono al server, ecc.

TIPOLOGIA DI COOKIE

COOKIE TECNICI

I cookie cosiddetti tecnici servono per la navigazione e per facilitare l'accesso e la fruizione del sito da parte dell'utente.

Possono essere suddivisi in cookie di navigazione o di sessione e garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web.

Questi cookie, sono necessari a visualizzare correttamente il sito e a facilitare l'accesso e la fruizione del sito stesso da parte dell'utente; verranno quindi sempre utilizzati e inviati, a meno che l’utenza non modifichi le impostazioni nel proprio browser.

COOKIE DI ANALISI (ANALITICI)
Sono cookie utilizzati per raccogliere e analizzare il traffico e l'utilizzo del sito in modo anonimo. Questi cookie, pur senza identificare l'utente, consentono, per esempio, di rilevare se il medesimo utente torna a collegarsi in momenti diversi. Permettono inoltre di monitorare il sistema e migliorarne le prestazioni e l'usabilità. La disattivazione di tali cookie può essere eseguita senza alcuna perdita di funzionalità.
Google Analytics è un servizio offerto da Google che genera statistiche dettagliate sul traffico di un sito web e le sorgenti di traffico. È il servizio di statistiche più utilizzato. Google Analytics può monitorare i visitatori provenienti da tutti i links esterni al sito, tra cui i motori di ricerca e social network, visite dirette e siti di riferimento. Visualizza anche la pubblicità, pay-per-click, e-mail marketing e inoltre collegamenti all'interno dei documenti PDF.

E’ possibile accedere all'informativa all’indirizzo: http://www.google.it/analytics/learn/privacy.html

COOKIE DI PROFILAZIONE

Si tratta di cookie permanenti utilizzati per identificare (in modo anonimo) le preferenze dell'utente e a creare profili utenti al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dall’utente all’interno delle pagine del Sito.

COOKIE DI TERZE PARTI

Visitando un sito web si possono ricevere cookie sia dal sito visitato (“proprietari”), sia da siti gestiti da altre organizzazioni (“terze parti”). Un esempio notevole è rappresentato dalla presenza dei “social plugin” per Facebook, Twitter, Google+ e LinkedIn. Si tratta di parti della pagina visitata generate direttamente dai suddetti siti ed integrati nella pagina del sito ospitante. L'utilizzo più comune dei social plugins è finalizzato alla condivisione dei contenuti sui social network. La presenza di questi plugin comporta la trasmissione di cookie da e verso tutti i siti gestiti da terze parti. Tutti questi Cookies possono essere rimossi direttamente dalle impostazioni browser.
In quest’ultimo caso alcuni servizi del sito potrebbero non funzionare come previsto e potrebbe non essere possibile accedere o addirittura non avendo più il Cookie associato perdere le preferenze dell'utente, in questo modo le informazioni verrebbero visualizzate nella forma locale sbagliata o potrebbero non essere disponibili.

COOKIE DI TERZE PARTI NEL DETTAGLIO

I Cookie di terze parti vengono anche utilizzati per memorizzare le informazioni sulle preferenze dei visitatori e sulle pagine visitate dall'utente e per personalizzare il contenuto della pagina web in basa al tipo navigazione effettuata dall'utente.
1) Cookie DoubleClick DART: Tale Cookie di Google serve per pubblicare annunci contestuali in modo da mostrare all'utente pubblicità più mirata in base alla loro cronologia di navigazione. Gli utenti possono accettare tale cookie oppure disattivarlo nel loro browser visitando la pagina Privacy e Termini. Ulteriori informazioni sulle tipologie e sull'uso che fa Google dei cookie con finalità pubblicitarie possono essere trovate nella pagina web dei Tipi di cookie utilizzati.

2) Cookie di Facebook: Questo Cookie può tracciare il comportamento dei lettori. Per avere maggiori informazioni si può consultare la pagina per la
Politica della Privacy di Facebook.

3) Twitter: Questo Cookie viene utilizzato per migliorare la interazione con il social
Twitter Cookie Policy Privacy

4) Google+ Questo Cookie viene utilizzato per migliorare la interazione con il social
Google Cookie Policy Privacy

Questo sito e il suo amministratore non hanno alcun controllo sui cookie che vengono utilizzati da terze parti,. quindi per approfondire il tema si consiglia di consultare le politiche della privacy di queste terze parti sopra riportate, così come le opzioni per disattivare la raccolta di queste informazioni. L'amministratore di questo sito non può quindi controllare le attività degli inserzionisti di questo sito. È comunque possibile disabilitare i cookie direttamente dal proprio browser.

Questo sito non utilizza cookie di profilazione propri.
Eventualmente, Cookie di profilazione sono esclusivamente controllati da terze parti quali Google, Facebook o Twitter.

GESTIONE DEI COOKIE

L'utente può decidere se accettare o meno i cookie utilizzando le impostazioni del proprio browser. Attenzione: l'utente può negare il consenso all'installazione di qualunque cookie.

L'impostazione può essere definita in modo specifico per i diversi siti e applicazioni web. Inoltre i migliori browser consentono di definire impostazioni diverse per i cookie “proprietari” e per quelli di “terze parti”.

A titolo di esempio, in Firefox, attraverso il menu Strumenti->Opzioni ->Privacy, è possibile accedere ad un pannello di controllo dove è possibile definire se accettare o meno i diversi tipi di cookie e procedere alla loro rimozione.

Una navigazione senza l'utilizzo di cookie tecnici e di profilazione è possibile mediante quella che viene definita navigazione in incognito e che è fattibile con tutti i principali browser.

Di seguito riportiamo le modalità di gestione dei cookie offerte dai principali browser:

Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies

Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it

Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Gestione%20dei%20cookie

Opera: http://help.opera.com/Windows/10.00/it/cookies.html

Safari: http://support.apple.com/kb/HT1677?viewlocale=it_IT


Google Analytics è un servizio offerto da Google che genera statistiche dettagliate sul traffico di un sito web e le sorgenti di traffico. È il servizio di statistiche più utilizzato. Google Analytics può monitorare i visitatori provenienti da tutti i links esterni al sito, tra cui i motori di ricerca e social network, visite dirette e siti di riferimento. Visualizza anche la pubblicità, pay-per-click, e-mail marketing e inoltre collegamenti all'interno dei documenti PDF.

E’ possibile accedere all'informativa all’indirizzo: http://www.google.it/analytics/learn/privacy.html

Google AdSense è un programma gestito da Google Inc. che consente agli inserzionisti della rete Google di pubblicare annunci pubblicitari sul proprio sito web guadagnando in base al numero di esposizioni dell'annuncio pubblicitario o click effettuati su di essi.
E’ possibile accedere all'informativa all’indirizzo: https://www.google.com/adsense/localized-terms.

NAVIGAZIONE ANONIMA - COME EVITARE RACCOLTA DI COOKIE

Una navigazione senza l'utilizzo di cookie tecnici e di profilazione è possibile mediante quella che viene definita navigazione in incognito e che è fattibile con tutti i principali browser.

Questa pagina è visibile, mediante link in tutte le pagine del Sito. Per ulteriori informazioni visitare la pagina del garante della privacy: http://www.garanteprivacy.it/cookie